1994 AGENTI IMMOBILIARI NOMADI - ALESSANDRO MANCUSO, le canzoni, i racconti, il teatro

Vai ai contenuti

Menu principale:

1994 AGENTI IMMOBILIARI NOMADI

Il teatro > Gli spettacoli

È il primo spettacolo pensato come tale e nato intorno ad un'idea narrativa unitaria. Ha avuto un numero di rappresentazioni superiore rispetto a tutti gli altri spettacoli, anche successivi, potendo contare sulla presenza in cartellone per tre settimane consecutive nella stagione treatrale 1994/95 del Piccolo teatro di Campopisano di Genova. Le prove conclusive sono state effettuate e registrate al Time Sound Studio di Genova, dove nel giugno precedente era stata incisa, ancora in analogico, la prima audiocassetta ufficiale dal titolo "A CAMPOPISANO", che tuttavia contiene canzoni del repertorio precedente e di uno spettacolo "ponte", "IL CAPPONE REGINALDO" (dicembre 1993) in cui viene eseguita per la prima volta la ballata "On the road serravalle", che otterrà un certo successo venendo radiotrasmessa dalla RAI nel corso dell'estate. I testi delle canzoni e alcuni scritti sull'idea dello spettacolo vengono invece pubblicati dall'editrice Silver Press nel libretto omonimo che esce in concomitanza con la prima rappresentazione.

Lo spettacolo è un racconto. A volte cantato, altre no. Uno sguardo come dall'esterno, come da una finestra che però non sembra proteggerci fino in fondo. Gli occhi raggiungono i lineamenti di un certo microcosmo, scelto in mezzo a tanti altri che potevano andare benissimo ugualmente. Un uomo cerca sistemazione in una città che non è la sua, anche se forse le assomiglia. Un uomo cerca protezione, in una città che non è la sua; trova invece gente che, pur essendo meglio integrata di quanto non lo sia lui, ha bisogno a sua volta di protezione e la cerca, inspiegabilmente, presso la persona sbagliata. L'agente immobiliare della città di arrivo è più smarrito e più fragile del cliente "immigrato" che fatica a trovare una sua collocazione. Uno scambio di ruoli dal discreto effetto lirico-comico: chi guarda finisce per essere lui, il "guardonato". Per Mancuso è l'inizio del distacco da Genova. Da oltre un anno infatti ha intrapreso la carriera di insegnante in alcune scuole superiori di Bergamo.

Torna ai contenuti | Torna al menu