2001 - ALESSANDRO MANCUSO, le canzoni, i racconti, il teatro

Vai ai contenuti

Menu principale:

2001

Le canzoni > Testi e accordi delle canzoni divise per anno di composizione

Canzoni 2001
LE CANZONI > TUTTI I TESTI DELLE CANZONI CON ACCORDI divise per anno di composizione
________________________________________________________________________________________________

IL VARCO DEL CONFINATO
(testo e musica Alessandro Mancuso)

N° 71 – Bergamo, giugno 2001
Dep. SIAE 26/11/2001, n° 013050343

Rem Rem4 REm Rem4
La prima estate punge la prima erba chiama
DO DO9 DO DO9
Il confinato freme ridotto da far pena
Rem Rem4 REm Rem4
Carlino scopre il mare è là che fischia il treno
DO DO9 DO DO9
E’ il tempo che Marziale è a Bilbili col cuore.
FA7+ MIm
Non lo sfottete per favore
FA7+
Se non vi sente
SOL7
Non richiamatelo al rispetto del dovere
DO
È via di mente.
Rem Rem4 REm Rem4
La strada sa di pane quello del suo paese
DO DO9 DO DO9
È un’ossessione dolce è una visione accesa
Rem Rem4 REm Rem4
Ariosto in Garfagnana che voglia di tornare
DO DO9 DO DO9
Gettare tutto al fiume sentire il tuffo al cuore.
FA7+ MIm
Non ci sfottete per favore
FA7+
Siamo lontani
SOL7
E’ un sogno perfido che sa come attaccare
DO
Le nostre mani. FA
FA MIm
Il varco è qui?
FA MIm
Che fatica cantare i profumi i dolori di sempre
FA DO
Per chi non ha il mito di tutti, i villaggi vacanze.
FA MIm
Il varco è qui?
FA MIm
Ora ho voglia di starmene zitto a guardarvi passare
FA DO
Sui gradini che hanno, nessuno lo sa, tutto quanto il mio odore
Rem SOL7 DO
E non chiedere, giuro, non chiedere altro di più.

Rem Rem9 Rem Rem4 Rem Rem9 Rem Rem4

Rem Rem4 REm Rem4
Il sole mi sbeffeggia mi sganghera la bocca
DO DO9 DO DO9
In un sorriso lungo come fossi partito
Rem Rem4 REm Rem4
Come fossi bambino nell’aria della sera
DO DO9 DO DO9
E rido da cretino in faccia a una signora.
FA7+ MIm
Non se la prenda per favore
FA7+
E’ un sogno strano
SOL7
Un buffo demone che sa farmi impazzire
DO
Dal mio lontano
FA Mim
Il varco è qui?
FA MIm
Com’è bello cantare i miei monti senza un filo di voce
FA DO
Non trovare parole adeguate per spiegare una croce
FA MIm
Il varco è qui?
FA MIm
Ora ho voglia di starmene solo sopra quella panchina
FA DO
E sentire i rumori che fanno le case giusto all’ora di cena
Rem SOL7 DO
E non chiedere, giuro, non chiedere altro di più.
________________________________________________________________________________________________

LA SIGNORA CELESTINA
(testo e musica Alessandro Mancuso)

N° 73 – Bergamo, dicembre 2001
Dep. SIAE 07/11/2003, n° 032930815

MI
La signora Celestina quarantenne ancor piacente
LA
seppe da una sua cugina, una a cui non sfugge niente,
SI7
che oggigiorno ci si imbatte in un pericolo imminente:
MI
ritrovarsi all’improvviso per la casa una figlia adolescente.
MI
“Metti via tutti i coltelli, spago e corde fai sparire,
LA
e nascondi anche gli spilli, la Beretta ed il fucile
SI7
che non trovi neppur l’ombra di un oggetto contundente:
MI
tu non sai che rischio corri con in casa una figlia adolescente”.
MI LA MI
La signora Celestina quarantenne ancor piacente
SI7 MI
pensa proprio alla Sabrina, la sua figlia adolescente
MI LA MI
e la sogna che fa un sogno delittuoso e allucinante:
SI7 MI
massacrare la famiglia senza un valido movente.
MI
Mentre è intenta nello step la signora Celestina
LA
suda forte dentro il top e ripensa alla Sabrina
SI7
che è un po’ troppo adolescente poi si asciuga e va in cucina
MI
e per caso sintonizza la tivù sul talk-show della mattina.
MI
Lo psicologo sapiente dice con parole chiare
LA
che il disagio adolescente si risolve col parlare.
SI7
Il messaggio è ben preciso e rivolto al genitore
MI
che dovrà parlare ai figli per non farsi trucidare.
MI LA MI
La signora Celestina quarantenne ancor piacente
SI7 MI
di ritorno da piscina affronta la sua adolescente
MI LA MI
e comincia col parlarle là per là del trascendente
SI7 MI
dopo un’ora è alla semiotica e alla cura delle piante.

MI
Non la lascia più dormire, parla di Sant’Agostino
LA
quando è l’ora di mangiare chiosa brani dal Corano
SI7
non trascura proprio niente, una volta che era in treno
MI
le ha parlato di ermeneutica, dei Tartari, di Tantra e del Tungsteno.
MI
Ha un gran sonno la Sabrina, gli occhi gonfi tipo rana
LA
non la molla Celestina parla di virtus romana,
SI7
per telefono le ha detto del noumeno e del Ghana;
MI
ha concluso un breve corso in quattro lingue sulle fasi della luna.
MI LA MI
La signora Celestina quarantenne ancor piacente
SI7 MI
parla sempre alla Sabrina la sua figlia adolescente.
MI LA MI
Lo psicologo al talk-show sembra mezzo deficiente
SI7 MI
quando sa che Celestina quarantenne ancor piacente
MI LA MI
era stata imbavagliata dalla figlia adolescente,
SI7 MI
torturata e soffocata senza un valido movente.

Torna ai contenuti | Torna al menu