2012 NOTE DI VIAGGIO DI UN CANTASTORIE - ALESSANDRO MANCUSO, le canzoni, i racconti, il teatro

Vai ai contenuti

Menu principale:

2012 NOTE DI VIAGGIO DI UN CANTASTORIE

Il teatro > Gli spettacoli

PRIMO TEMPO
PIRATA PER UN QUARTO D’ORA
IL CANARINO
In prima convocazione   
(monologo)
CONDOMINO
E’ SCOPPIATO UN CASINO
Sicurezza e QUALITÀ
LA FORD ESCORT
Servizio ricerca clienti telefonici
CAFFE’ DEGLI SBULINATI
STORIA DI CACCIATORI E DI CINGHIALI

SECONDO TEMPO
EGREGIO, NON FACCIA L’ONDA!
SULLA SPIAGGIA DI CELLE
Lo schifo è quando
(monologo)
SAMANTHA E THOMAS SPOSI
CI HO LA MAMMA MAIALA
LA SIGNORA CELESTINA
ECCO, SONO IN RITARDO   
(monologo)
LA RIUNIONE
Aristarco Scartafaccio   
(monologo)
L’UOMO SOPRAMMOBILE
Assomigliare ai propri sogni   
(monologo)
PER UN QUARTO D’ORA

Il cantastorie è un narratore immediato; ama  vedere sui volti della gente che lo ascolta l’effetto del suo modo particolare di interpretare il mondo. È un artista povero, nel senso che si serve di pochi strumenti: le cose che vuole raccontare, la propria voce e la propria mimica, una chitarra per accompagnarsi nel canto e la voglia di prendere per i fondelli tutto quanto di solido, costituito, rispettabile, modaiolo ed imbecille c’è nel mondo in cui gli tocca vivere.

Alessandro Mancuso, genovese, da vent’anni propone spettacoli di  canzoni teatrali dal carattere  prevalentemente satirico. Spesso da solo in scena, ama la chiacchierata informale con il pubblico e  l’indagine sul presente che propone con la sua chitarra.
Lo spettacolo è un’antologia di brani che costituiscono il pretesto per parlare di uomini e cose e per presentare il genere espressivo della canzone ironica e teatrale. Letteratura, musica e recitazione sono manipolate alla maniera dei giullari medievali… ma con parole e melodie del nostro tempo.

Torna ai contenuti | Torna al menu