2013 - ALESSANDRO MANCUSO, le canzoni, i racconti, il teatro

Vai ai contenuti

Menu principale:

2013

Le canzoni > Testi e accordi delle canzoni divise per anno di composizione

Canzoni 2013
LE CANZONI > TUTTI I TESTI DELLE CANZONI CON ACCORDI divise per anno di composizione
________________________________________________________________________________________________

LA BALLATA DEL BALLATOIO
(testo e musica Alessandro Mancuso)

N° 111 – Genova, febbraio 2013
Dep. SIAE 04/07/2013, n° 132630012

MI

Questa, questa, questa, questa, questa
         DO#m            MI              DO#m                  RE
è la ballata del ballatoio dove nessuno ha ballato mai
      DO#m           MI                DO#m            MI           DO#m              MI
io ci passo tutti i giorni, se mi fermo mi ci annoio e di certo non ballerei.
       DO#m               MI              DO#m                      RE
Ballerini in un ballatoio, dimmi quando ne hai visti mai?!
      DO#m           MI                  DO#m       MI              DO#m                 MI
solo tecnici e massaie, pure un frate con il saio, tutt’al più quattro operai.
                        LA                                                                              MI
Eppure il ballatoio si offre fedele, puntuale, negli anni sempre uguale
                    SI7                                                             MI
tu vivi avventure, vicende, passioni ammucchi le stagioni
                             LA                           SI7                                  MI
lui sempre tale e quale tra la sua ringhiera e la tromba delle scale.

MI
Questa, questa, questa, questa, questa
        DO#m              MI              DO#m                  RE
è la ballata del ballatoio dove nessuno ha ballato mai
     DO#m         MI             DO#m                 MI            DO#m           MI
coreografi mai visti, né tanghèri o strumentisti, neanche umili pifferai.
               DO#m              MI          DO#m                 RE
Scuole di danza sul ballatoio difficilmente ne troverai
        DO#m                    MI                DO#m                       MI                         DO#m                MI
chi ci passa in punta di piedi, non è ballerino che cosa ti credi, è andato da quella maiala del 6
                          LA                                                                     MI
conosco una ballatoio severo, piantato, ostinato nei secoli immutato
               SI7                                                     MI
e fuori nel mondo sparivano etnie, governi, economie
                        LA                    SI7                                 MI
lui fermo nel colore verdino slavato davanti all’ascensore.

MI
Questa, questa, questa, questa, questa
        DO#m              MI              DO#m                  RE
è la ballata del ballatoio dove nessuno ha ballato mai
        DO#m           MI                 DO#m        MI    DO#m                       MI
Balla l’orso nel pantano, balla il lupo marsicano balla il sorcio nei pagliai.
               DO#m              MI                      DO#m                   RE
Prova a ballare sul ballatoio, tempo un minuto che passi i guai
          DO#m            MI           DO#m          MI           DO#m          MI
scatta qualche serratura, esce uno in canottiera e ti grida se non sai…

… che l’articolo 34 comma 2 del regolamento di condominio, fa espresso divieto …

      DO#m             MI             DO#m                  RE

di ballare sul ballatoio e inutilmente tu spiegherai

… veda, il fatto straordinario è che uno vive la sua vita, viaggia, cambia pelle, si fa vecchio, niente sarà più come prima… poi butta l’occhio sul ballatoio, magari quaranta, cinquant’anni dopo, e lì c’è sempre quella penombra, qualla luce lattiginosa, quelle plafoniere inespressive… non si sopravvive a un ballatoio. Uno c’è entrato bambino, col cerchio, prima della guerra… e l’altro giorno c’è passato per l’ultima volta, andava all’ingiù, sdraiato… 97 anni… ma il ballatoio… tié… identico, come il primo giorno.

                DO#m           MI                 DO#m              RE
Perché i diritti del ballatoio non li rispetta nessuno mai
       DO#m                  MI                DO#m              MI                DO#m            MI
ci vorrebbe una class action, prenotare una jame session e l’orchestra della Rai.
              DO#m           MI            DO#m               RE
Un flash-mob sul ballatoio ecco quello che io vorrei
         DO#m           MI              DO#m                MI                  DO#m        MI
per portare a conoscenza, un risveglio della coscienza, troie, nani e marinai.
                        LA                                                                 MI
E sopra il ballatoio duecento citrulli lanciati in scatenati balli
              SI7                                                                     MI
colori festosi da music hall penosi che piacciono agli illusi
                             LA                               SI7                               MI
e a mezzo di quel ballo lo scricchiolìo sinistro e finalmente il crollo.

          DO#m                MI             DO#m              RE
È la vendetta del ballatoio dove nessuno ballerà mai.
          DO#m                MI             DO#m              MI
È la vendetta del ballatoio dove nessuno ballerà mai.


_______________________________________________________________________________________________

LA NUTRIA
(testo e musica Alessandro Mancuso)

N° 112 – Genova, aprile 2013
Dep. SIAE 04/07/2013, n° 132630011

RE Mim         RE       Mim          RE
Nutria, una nutria! Nutria, ah, ah, yeah!
RE                                                      DO RE                                                                       MIm
Allora parlandone in breve io sono la nutria mi aggiro col mio manto ruvido, rorido e untuoso
                                  LA                             RE                                                                 MIm
quando per caso m’imbatto in un rivo di scarico nel tanfo, nel buio, nell’umido io mi riposo
                           LA                                       RE
mi spazzolo e mi stiro… ma non si sappia in giro!
RE                                                         DO RE                                                                       MIm
E peso di certo un po’ troppo, io sono la nutria: ho sempre lo sguardo accigliato nascosto dai peli
                                     LA                          RE                                                                   MIm
mi lagno dell’acqua del fango con spirito critico, gli artefici del mio lordume li chiamo maiali
                          LA                                        RE
però quanto li ammiro… ma non si sappia in giro!
RE                                          Mim                    
Eh eh eh eh eh rattaman vibration, se tira la chiavica
RE                                                    MIm
muovo i miei passi da pantegana mimetica
RE                                        MIm
Eh eh eh eh eh rattaman vibration, mi basta uno sprizz
RE                                                           Mim     RE
ed esco dal bar trasformato in castorino spizz… yeah
RE Mim         RE       Mim          RE
Nutria, una nutria! Nutria, ah, ah, yeah!
RE                                                         DO RE                                                                  MIm
Adeguo le mie competenze allo stato di nutria nel tempo dei grulli e citrulli son ratto schifoso
                                  LA                             RE                                                                    MIm
e striscio tra assicurazioni, logistica e immobili, le banche, le truffe, le musse mi fanno sontuoso
                          LA                                       RE
affondo il naso e tiro… ma non si sappia in giro!
RE                                                  DO RE                                                                MIm
E quando finisce la fiera io sono la nutria indosso le zampe palmate e i miei denti d’oro
                                LA                             RE                                                                 MIm
emergo da questa cloaca e alimento l’equivoco mi offro pulito e lucente in versione castoro
                               LA                                       RE
nemmeno a me par vero… ma non si sappia in giro
RE                                          Mim                    
Eh eh eh eh eh rattaman vibration, se tira la chiavica
RE                                                    MIm
muovo i miei passi da pantegana mimetica
RE                                        MIm
Eh eh eh eh eh rattaman vibration, l’Italia mi coccola
RE                                                           Mim     RE
per il mio aspetto vincente da lurida zoccola… yeah
RE Mim         RE       Mim          RE
Nutria, una nutria! Nutria, ah, ah, yeah!
RE Mim         RE       Mim          RE
Nutria, una nutria! Nutria, ah, ah, yeah!


________________________________________________________________________________________________

UN FAGIANO MASCHIO ENORME
(testo e musica Alessandro Mancuso)

N° 113 – Genova, aprile 2013
Dep. SIAE 04/07/2013, n° 132630010

Lam                MI7                  LAm                          FA                         REm
Oggi sono teso e odio tutto il mondo è una minaccia pure un gingle alla radio
     LAm                    MI7
perché m’innervosisco al suono delle voci le frasi che io sento sono goffe e truci
        LAm
le sagome che incontro sono di nemici.
                          MI7                                 LAm                           MI7                         LAm
E non sbaglio di molto, benché sia un umorale: la gente è fatta a cazzo… l’ha detto Giovenale.
Lam                     MI7                         LAm                      FA                                REm
Davanti ho una tardona parla all’auricolare e grida ad alta voce, ce l’ha col suo moroso
     LAm                    MI7
gli sta dicendo che oramai più non gli crede un altro mi tampina frettoloso e ride
        LAm
maledicendo tutti cambio marciapiede.
                          MI7                                 LAm                           MI7                         LAm
Mi apparto dalla folla, come in un brutto sogno; raggiungo il parapetto, mi affaccio sul Bisagno
  MI7         FA                                               LAm
e guardo, al largo, senza nessuno intorno sto meglio.
REm                                               LAm
al largo, senza nessuno intorno sto meglio.
       LAm                           MI7

Lam                     MI7                               LAm                             FA                             REm
Con la coda dell’occhio vedo arrivare un’ombra: un cane che ansimando annusa la mia gamba
          LAm                    MI7
non è solo la gente che mi prende male, in questi casi son corretto ed imparziale
             LAm
mi irrita parecchio anche il regno animale.
                             MI7                                 LAm                           MI7                         LAm
Ma insieme con il cane c’è sempre un rompiballe; puntuale si avvicina, si ferma alle mie spalle
  MI7         FA                                               LAm
e dice: «Là, ieri, c’era un fagiano maschio, enorme».
REm                                               LAm
«Là, ieri, c’era un fagiano maschio, enorme».               LAm                           MI7

Lam                     MI7                            LAm                             FA                             REm
Io non mi muovo affatto, come sentito niente, mica avrà detto a me questo gran deficiente,
               LAm                  MI7
son qui tranquillo che mi faccio i fatti miei, magari dice al cane, tu cosa ne sai
             LAm
ce n’è di sciroccati che hanno grossi guai.
Lam                     MI7                            LAm                           MI7             LAm
Ma lui mi tocca un braccio e si fa più insistente; mi indica col dito un punto nel torrente,
  MI7         FA                                               LAm
ripete: «Là, ieri, c’era un fagiano maschio, enorme».
REm                                                   LAm
«Là, ieri, c’era un fagiano maschio, enorme».                     Lam                              MI7     
LAm  MI7 (struttura libera)

Belin, ma questo ce l’ha proprio con me! Non si può stare in pace nemmeno un momento!
Allora mi volto, lo guardo… è uno fuori dalla storia. Ha una faccia da tossico “old time”. Ma cosa vuole ? Che cacchio me ne frega del fagiano! E mi elenca la fauna del Bisagno: Fagiani, gabbiani, cerbiatti…. Dice, sì, sì, ci sono anche i ratti. Possibile che tutti gli abelinati, oggi, abbiano un appuntamento con me? Lui, il fagiano, il suo cane… adesso prendo e li butto tutti nel fiume!


Lam                 MI7                            LAm                                FA                                REm
Però è così entusiasta, pacioso e inoffensivo che spengo la mia rabbia, mi calmo e gli sorrido
       LAm                                MI7
gli chiedo di parlarmi di questo fagiano, lui ne descrive il volo appesantito e strano
        LAm
il cane mi scodinzola e noi discutiamo.
Lam                     MI7                              LAm                           MI7                    LAm
E quando se ne vanno, non so neanche il perché, l’idea di quel fagiano commuove pure me.
     MI7         FA                                               LAm
Mi dico: «Là, ieri, c’era un fagiano maschio, enorme».
REm                                                   LAm
«Là, ieri, c’era un fagiano maschio, enorme».                     Lam                              MI7


________________________________________________________________________________________________

IL CONSULENTE
(testo e musica Alessandro Mancuso)

N° 114 – Genova, maggio 2013
Dep. SIAE 04/07/2013, n° 132630009

FA                                                                                   DO7                  
Il consulente, la marcia in più per ogni azienda ed ogni ente
                 Rem                                           DO7
è una figura multiforme e interessante, come nel Quattrocento quella del mercante
                                                          FA
o all’epoca dei paladini il cavaliere errante.
FA                                                                        DO7                  
Il consulente che costa quasi cento volte un dipendente
                 Rem                                             DO7
si occupa di interpretare il contingente, razionalizza le risorse strategicamente
                                                                  FA
e nella sua penombra non si vede e non si sente.
FA                         DO7                                   FA
Sa come far risparmiare, tranne sul suo emolumento
FA                         DO7                           FA     DO7                  FA      DO7                 FA
sa che occorre licenziare per il rifinanziamento, per il rifinanziamento, per il rifinanziamento.
FA                                                                           DO7                  
Il consulente fa un po’ come la cocciniglia a certe piante
                 Rem                                                        DO7
è un parassita furbo, subdolo e silente, si occupa di un po’ di tutto e un po’ di niente
                                                                             FA
può fare anche dei danni che il suo rischio è inesistente.
FA                                                                                          DO7                  
Il consulente, sul marketing farfuglia due minchiate allegramente
                      Rem                                                                    DO7
e questo per far tanti soldi è l’importante, siccome non lavora e non si stanca è più elegante
                                                                        FA
la cosa, neanche a dirlo, piace molto alla mia gente.
FA              DO7                         FA
Sa ricapitalizzare esuberi e mobilità.
FA                        DO7                             FA DO7                    FA DO7                     FA
Altro non sa escogitare la sua gran creatività, la sua gran creatività, la sua gran creatività.
FA                                                                            DO7                  
Il consulente se poi fosse uno solo ancora sarebbe niente
                       Rem                                                                DO7
è un branco di mignatte folto e travolgente che pesa sulle tasche e sulle palle della gente
                                                         FA
hai voglia a risanare i piani delle aziende!
FA                                                                        DO7                  
Il consulente se fossimo uno stato meno imbarazzante
                       Rem                                                          DO7
dovrebbe lavorare come tutta l’altra gente, è una specie di sogno strano e ricorrente
                                                                 FA
vedere in cassa integrazione pure il consulente.
FA                            DO7                                 FA
Ma lui non si può toccare, dove l’hanno messo sta,
FA                        DO7                                  FA DO7                 FA  DO7                   FA
vada come deve andare, che affanculo non ci va, affanculo non ci va, affanculo non ci va.





Torna ai contenuti | Torna al menu