2015 - ALESSANDRO MANCUSO, le canzoni, i racconti, il teatro

Vai ai contenuti

Menu principale:

2015

Le canzoni > Testi e accordi delle canzoni divise per anno di composizione

GIULIANO IL LICANTROPO


SI7 Do#m     SI7 LA    SI7 Do#m    SI7 LA      Do#m
Do#m     LA                           MI7
Quando c'è plenilunio gli prende una smania strepitosa
SI7          Do#m
e pianta tutti quanti inventando qualche scusa.
                   LA            MI7
La notte lo accoglie odorosa con le sue ali cupe
SI7                         Do#m            LA
lui butta via la giacca, galoppa un poco storto e appare dritto in cima ad una rupe.
                       Do#m               LA           Do#m
Ed è lì che noi vediamo il suo volto farsi muso
                      LA        SI7                  LA                                  MI                     LA
sputa il ponte mobile, mette zanne a sciabola, spunta un pelo ispido dalla sua t-shirt.
       MI                              LA                  Do#m               LA
Giuliano è un licantropo vegano, non per scelta ma per destino,
MI                       LA     MI                         LA
e si sente un po' cretino, si vergogna e se ne va.
 SI7 Do#m     SI7 LA    SI7 Do#m    SI7 LA      Do#m
 Ululato
Do#m     LA                                        MI7
E lunghi sono i denti, gli artigli come lame, le zampe poderose,
SI7        Do#m
lui pensa "che ne faccio di tutte queste cose!"
                   LA                   MI7
Una notte di fame passata da cani in mezzo alla lattuga
SI7                               Do#m               LA
contesa ad una talpa, le ringhia spaventoso ma quella non si muove e se ne frega.
                       Do#m       LA             Do#m
E pensa che al mattino quando tornerà uomo
                  LA     SI7                        LA                         MI                       LA
non avrà rivincita, lui ch'è un po' gastritico, debole di fegato e con la celiachia.
       MI                              LA                  Do#m               LA
Giuliano è un licantropo vegano, guarda la luna e ulula invano,
MI                            LA                    MI                               LA
Occhi gialli, torvo e strano; strana la vita di un licantropo vegano.
 MI                          LA               Do#m                  LA
Giuliano è un licantropo vegano, guarda la luna e ulula invano,
MI                       LA     MI                         LA
e si sente un po' cretino, si vergogna e se ne va.
 SI7 Do#m     SI7 LA    SI7 Do#m    SI7 LA      Do#m
 Ululato poi parlato sulla ripetizione del tema musicale
Io di notte devo dormire, sennò mi viene l'acidità. Ma dico io... già essere licantropo è una bella seccatura... e poi, con tutto quel radicchio! Non lo digerisco. A dire il vero... non è andata meglio neanche a Renato che fa il vampiro... alcolizzato. Beve solo birra. Ma che vampiro è? Ci ha un fegato così. Arriva, apre il mantello "Eehhh! Eehhh!"... con la botttiglia in mano, barcolla, sudato... e tutti ridono. Poi al mattino, in ufficio, è uno straccio... E io? Radici, rape, quello che capita, insomma... non pretendo gli agnelli vivi... ma almeno una fettina di vitella al burro, che mi aggiusta un po'. Ah, ma mica posso andare avanti così... io faccio ricorso. A Strasburgo... e la prossima luna piena... grigliata argentina e chi s'è visto s'è visto!
       MI                              LA                  Do#m               LA
Giuliano è un licantropo vegano, guarda la luna e ulula invano,
MI                            LA                    MI                               LA
Occhi gialli, torvo e strano; strana la vita di un licantropo vegano.
 SI7 Do#m     SI7 LA    SI7 Do#m    SI7 LA      Do#m
 Ululato

COME QUANDO


RE7 SIm  Mim LA7 (2 volte poi) RE7+
RE7                 Sim               Mim                   LA7
Come quando sei stato malato ed esci incerto nel sole d'aprile
RE7                  Sim                                Mim                         LA7      
RE7+
Come Ulisse che trucca le carte, che imbroglia il destino, che riesce a tornare
RE7                     Sim                     Mim                      LA7
Come quando ritrovi un quartiere e a mani in tasca ne saggi una strada
RE7                     Sim                 Mim                        LA7      
e di Genova ti senti il doge se sei serenissimo in Sopraelevata
SOL7                                                               MIm
Come quando un poco per volta di sogni e di cose ne sai fare a meno
SOL7                                                                             RE7+
Come quando tutto il chiasso finisce e non ti chiama nessuno
SOL7                                                            LA7
Quando dormono i figli, le mogli, i mariti, i periti
RE7+                                  SOL7    FA#   
RE7 SIm  Mim LA7 RE7+
e ti passi l'unguento del tempo sui lombi acciaccati.
RE7                 Sim                             Mim                       LA7
Come quando ti cerca un amico che non vedi da anni e ti tocchi i coglioni
RE7                      Sim            Mim                       LA7      
RE7+
perché vuole aggiornarti sui morti tra conoscenti, parenti ed affini.
RE7                     Sim                     Mim                             LA7
Come quando ti piace invecchiare così puoi guardare un po' meno le donne
RE7           Sim                      Mim                           LA7      
in un mondo di finti precisi calcolar le distanze orientandoti a spanne
SOL7                                                            MIm
Come quando ti prendi sul serio e questo nessuno lo perdona davvero
SOL7                                                    RE7+
e ti senti un abate priore che si finge cazzaro
SOL7                                                            LA7
Quando l'ansia di comunicare un poco si acquieta
RE7+                                        SOL7    FA#   
RE7 SIm  Mim LA7 RE7+
e ti sembra di far quasi parte di questo pianeta.
RE7                       Sim                Mim                    LA7
Come quando a Sant'Eufemia ci aspettava mio zio Serafino
RE7              Sim              Mim                        LA7      
RE7+
mi portava in dono una palla rossa e gialla, l'ho vista dal treno.
RE7                Sim                       Mim                         LA7
Come quando segnava Palanca, l'estate era eterna profumata e potente
RE7                         Sim                        Mim                            LA7      
Così noi ricordiamo l'infanzia ma su tutto il resto facciam finta di niente
SOL7                                                               MIm
Come quando mi viene da dire che un vecchio di oggi ci ha avuto più culo
SOL7                                                                  RE7+
non ha fatto la guerra e nessuno lo ha preso per scemo
SOL7                                                               MIm
Quando chi ha la mia età è convinto di avere opinioni, di avere un suo ruolo
SOL7                                                    RE7+
gli consiglio di fare attenzione al colesterolo
SOL7                                                          LA7
Quando la finta condivisione un poco si acquieta
RE7+                                        SOL7    FA#   
RE7 SIm  Mim LA7 RE7+
torno a illudermi di fare parte di questo pianeta.


VOLEVO ESSERE UN TRENO



LA7 RE (4v)

LA7         RE    
LA7 RE            LA7          RE    LA7   RE
Fin da bambino                volevo essere un treno
LA7              RE       LA7            RE                  LA7            RE    
LA7   RE
e passare fischiando di notte e di giorno e non fermarmi nemmeno
RE                               SOL                             LA                                        RE
perché ho la faccia da treno dovevo essere un treno ma non s'inganna il destino.
LA7 RE (4v)

LA7               RE  LA7 RE        LA7                       RE    LA7  RE
Mi son presentato (dicendo)       io dovrei essere un treno (sicuro)
                            SOL                              RE                           MIm
M'han detto sono rimaste solo queste due ruote e per il resto vediamo
                        SOL                                LA                              RE
intanto puoi cominciare a frequentare la strada come carretto a mano.
LA7 RE (4v)

LA7                      RE    
LA7 RE                    LA7          RE    LA7   RE
Sono un carretto a mano              va beh, ma intanto cammino
                SOL                    RE                        MIm
avanzo contento un po' cigolando in lentissimi viaggi
                       SOL                                LA                               RE
una strada sconnessa prendo un sasso di striscio e si rompono i raggi.
LA7 RE (4v)

LA7                      RE    
LA7 RE                    LA7              RE    LA7   RE
Volevo essere un treno                  ma un intervento un po' strano
                            SOL                        RE                             MIm
del falegname maldestro riparando la ruota mi ha ridotto a divano
                                   SOL                               LA                            RE
anche se ormai non mi muovo sono comodo e fiero sono adulto e maturo...
LA7 RE (4v)

LA7                    RE    
LA7 RE              LA7         RE    LA7   RE
Ma mi ritrovo divano                    volevo essere un treno               
LA7              RE       LA7            RE                  LA7            RE    
LA7   RE
e passare fischiando di notte e di giorno e non fermarmi nemmeno
RE                               SOL                                   LA                                   RE
perché ho la faccia da treno       dovevo essere un treno e adesso sono un divano.
LA7 RE (4v)

LA7                      RE    LA7    RE                          LA7       RE        LA7   RE
E poi mi sono sfondato (con gli anni)       m'han riparato alla meglio (più o meno)
                           SOL                 RE                        MIm
sono un bel fermacarte di legno laccato a tronco di cono
                             SOL                         LA                            RE
quindi un grosso cartello per divieto di fumo dentro un magazzino.
LA7 RE (4v)

LA7                      RE    LA7 RE                           LA7          RE    LA7   RE
che è come essere treno (uguale)              sono orgoglioso e sereno (sicuro)
LA7                       RE       LA7   RE                  LA7            RE    LA7   RE
ho rispettato il mio piano (più o meno)   è andato tutto a puntino (un belino)
RE                               SOL                                   LA                                        RE
perché ho la faccia da treno       dovevo essere un treno ma non s'inganna il destino.
LA7 RE (4v)

LA7                     RE   
Volevo essere un treno.
LA7 RE (a.l.)


RECITAL


SOL DOm  SOL DOm SOL
SOL DOm                      SOL       DOm                       SOL
     Recital, il guitto è da solo     Recital, ha scarsa memoria
 SOL DOm                 SOL           DOm     
SOL                 
     Recital, di troppe parole        Recital
 SOL DOm               SOL              DOm                     SOL
     Recital, si ride, qualcuno       Recital, marpione per finta
 SOL DOm                  SOL                             DOm               RE7         SOL    
MIm
     Recital, intorno alla pista       un bimbo che salta   un cane che abbaia.

Mim                      SOL     Mim                  LA
È in piedi da un bel po'       ha macinato un giorno lungo
Mim              SOL              Mim                   LA
la signorina al bar               armeggia a vista dietro ai suoi caffè
                          SI7                   MIm
attenta a chi la guarda, a chi non c'è.

Mim     SOL     Mim    LA
Mim     SOL     Mim    LA   SI7   Mim   SOL

 SOL DOm                  SOL                DOm                       SOL
     Recital, cantare una volta   Recital, da guappo a cartone
 SOL DOm                    SOL              DOm     
SOL
     Recital, lo stomaco a pezzi   Recital
 SOL DOm                SOL                  DOm                      SOL
     Recital, si vuole ballare               Recital, sta a fare che cosa
 SOL DOm                   SOL                        DOm                      RE7         SOL     
MIm
     Recital, questione di anni   è roba di figli                      vestiti alla buona.

Mim              SOL             Mim                    LA
Chissà cosa dirà                 a quello specchio che c'è fuori.
Mim                  SOL         Mim                   LA
Stanno davanti al bar         un giovinastro ed una in decolleté
                        SI7                MIm
e cercano un cornuto che non c'è.
Mim                  SOL               Mim                      LA
Pensa che raccontar                  sia stare al mondo quasi il doppio
Mim                    SOL             Mim                 LA
ma la maitresse di là                fa tutti i conti e la chiude così
                           SI7            MIm
che in fondo dopotutto è venerdì.

 SOL DOm                SOL          DOm                      SOL
     Recital, che batti le mani          Recital, dove hai parcheggiato
 SOL DOm                      SOL            DOm   SOL DOm   SOL DOm                
     Recital, ma è stata una vita   Recital         Recital          Recital



CI VUOL LO CHEF



DO                    SOL7                 DO                  SOL7
Un evento culturale di grande portata internazionale
DO                    SOL7        DO               SOL7
con spettacolo raffinato di livello fenomenale
FA                  DO
ovviamente che va abbinato a un piatto tipico regionale
               SOL7                               DO
per creare la sinergia fra teatro e gastronomia.      
DO FA  DO FA DO FA  SOL7 DO
DO                                SOL7          DO                   SOL7
Non si mangia con la cultura? È una cosa per niente vera
DO                            SOL7           DO                       SOL7
tra rassegne, festival, danza io mi riempio vieppiù la panza
FA               DO
culinaria culinaria sia la mostra o la conferenza
                     SOL7                                        DO
e la massa perde la testa per lo chef con le mani in pasta.
                 FA                                          DO
Ci vuol lo chef, solo lo chef, che fai senza lo chef
            FA         DO
senza ricetta, senza un piatto di portata non si parla di Tolstoj
             FA                                     DO      SOL7                 DO
non c'è Platone senza il dolce di stagione, sennò son cazzi tuoi.
DO FADOFADOFASOL7 DO
DO                       SOL7       DO               SOL7
E si dice che Pirandello cucinasse bene l'agnello
DO                           SOL7               DO                SOL7
un docente di chiara fama studia la tinca alla manzoniana
          FA                 DO
e di Gramsci sanno tutti che era un genio a fare i biscotti
DO                       SOL7                               DO               
poi Goldoni va ricordato per il fegato mantecato.
                 FA                                             DO
Ci vuol lo chef, solo lo chef, chiamate i masterchef
                 FA       DO
non leggo libri senza un accenno al gusto di antica tradizione
           FA                                    DO      SOL7          DO
sapessi te che guru è il mio gourmet: mi sembra Cicerone.
DO FA  DO FA DO FA  SOL7 DO
DO                                SOL7           DO                     SOL7
Non si dia più nessuna pièce che non abbia al centro lo chef
DO                  SOL7       DO            SOL7
ogni arte purchessia tratti solo di cucineria
          FA      DO
e legata a doppia mandata ai vini e alla gastronomia
DO                           SOL7                               DO               
non c'è più niente da capire... a noi ci basta digerire
                 FA                                          DO
Ci vuol lo chef, solo lo chef, che fai senza lo chef
            FA         DO
senza contorno o adeguata guarnizione ti saluto Bertold Brecht
             FA                                  DO      SOL7             DO
se non t'ingozzi col ventre da caprone sei rozzo e demodé.
                 FA                         SOL7                    DO
Ci vuol lo chef, solo lo chef, chiamate i masterchef.




Torna ai contenuti | Torna al menu