IL CANTASTORIE FUORI (2008) - ALESSANDRO MANCUSO, le canzoni, i racconti, il teatro

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL CANTASTORIE FUORI (2008)

Le canzoni > Gli album

Il cantastorie fuori
(CD abbinato al libro omonimo)

In ascolto il brano:
Io sono lo schifo

Un cd antologico del 2008 raccoglie alcune registrazioni tratte dallo spettacolo più recente, Io sono lo schifo, e alcune canzoni riprese da spettacoli del passato. L'occasione è la pubblicazione del libro, a cui questo cd è allegato, dal titolo "Il cantastorie fuori" (edito come sempre da Golden Press), ovvero un estratto del diario di appunti che Mancuso tiene da anni su ciascuna delle sue serate e che nel presente sito viene pubblicato in versione integrale, dal 2001 ad oggi, proprio come archivio e testimonianza.
Qui è ancora presente il lavoro di Dario Filippi che si limita però ad organizzare una rappresentazione pomeridiana, per pochi intimi, nel Cavo' prove di Zanica (BG) allo scopo di registrare lo spettacolo "Io sono lo schifo". La registrazione risulta buona, anche se un po' imbalsamata per la poca gente presente, ma il lavoro funziona e lo snodo delle storie che vi vengono raccontate ha un discreto impatto, soprattutto nei monologhi che inseriremo parzialmente in un'altra pagina. Purtroppo della registrazione integrale, per molti motivi, verranno mixati e rielaborati solo 5 brani che compaiono in questo cd. Dario suona le percussioni in due pezzi, uno dei quali è quello offerto in ascolto in questa pag
ina e che dà il titolo allo spettacolo del 2006-2007.
La canzone
Io sono lo schifo ha il compito, ironico e polemico, di dar voce diretta ad alcune delle schifezze del nostro tempo, quelle alle quali abbiamo fatto talmente l'abitudine da non considerarle più nemmeno tali. E allora a parlare è proprio "lo schifo", come agente, come soggetto, come io narrante, tronfio e risoluto in quanto incontrastato vincitore, avvezzo a successi sempre più evidenti sui media, sulla nuova etica, sull'opinione pubblica.
Nella foto di copertina, seduto accanto a Mancuso, alle percussioni c'è Adolfo Lombardi, nella serata di presentazione del libro "Tra qualche anno saremo tutti ricchi".

Torna ai contenuti | Torna al menu